AFFERMARE SE STESSI

libertà dell'essere

AFFERMARE SE STESSI

La nostra capacità di non essere alla mercé dagli eventi esterni e da valutazioni altrui, di avere chiarezza dei propri confini dipende dalla nostra capacità di affermare se stessi.

Nella vita quotidiana il modello di comportamento della maggior parte delle persone gravita verso uno dei due estremi: 

passività o aggressività. Rimango passivo aspettando che le cose cambiano, manipolo realtà tramite i pensieri o gli altri tramite i comportamenti e parole. Mi trattengo, mi carico di lavoro, divento iperattivo e prima o poi esplodo o divento aggressivo con altri. 

Ogni modalità crea costi relazionali, errata percezione della realtà, insoddisfazione e continua ricerca di migliorare se stessi senza reali cambiamenti nella vita.

Affermare se stessi è una capacità che dovrebbe svilupparsi attorno 12-15 mesi. In questa fase è molto importante il sostegno dei genitori del narcisismo sano e naturale del bambino. Purtroppo, quando questo sostegno manca del tutto e bimbo non riceve nessun incoraggiamento della sua espressività, creatività e spontaneità da adulto investirà tutta la sua energia nel soddisfare gli altri, diventerà un ‘servitore empatico’ che riconosci i bisogni altrui dimenticando se stesso. Oppure ‘il non visto e riconosciuto’ investirà tutta la sua energia vitale nei processi mentali dissociandosi dal corpo e dai sentimenti.

Nel caso quando il bambino viene iper-stimolato o iper valutato nelle sue capacità (oppure giudicato o paragonato) diventerà un adulto performante e alla ricerca delle sfide continue per provare a se stesso e agli altri proprio valore senza mai poter colmare quel vuoto di non essere stato visto in un momento di ‘fioritura’ e piena vitalità.

Sono i temi complessi che ho cercato di descrivere tramite un linguaggio semplice ma sono i temi che guidano le nostre scelte e ci fanno soffrire per i costi delle nostre scelte mancate. 

Ogni nostra attitudine di diventare lamentosi, indecisi, performanti, manipolatori, perfezionisti dipende dalla conclusione che abbiamo fatto su se stessi a quell’età.

E’ una ferita molto nascosta perché non si tratta di essere stati maltrattati, ma di non essere stati visti in un momento di più grande spontaneità, flusso libero di energia, creatività, amore, gioia, movimento autentico e libertà nell’essere.

Grazie a questa ferita gli individui sviluppano tante qualità tra le quali sensibilità, empatia, capacità di aiutare gli altri oppure qualità manageriali o capacità essere un leader. 

Molto spesso queste qualità vengono usati in modo autodistruttivo per la mancanza dei confini emotivi e psichici o distruttivo per gli altri per la mancanza della comunicazione tra gli adulti ‘veramente adulti’ creando i costi come frustrazione, stress, mancanza di soddisfazione, il vuoto interiore, sintomi somatici, stati depressivi, mancanza di energia, difficoltà relazionali, incapacità di riconoscere proprio valore, atteggiamenti giustificati, stati di rabbia o mancanza totale di energia. 

Durante il seminario IO ESISTO andremo ad accogliere il vecchio sistema di sopravvivenza e cercheremo dentro se stressi le risorse autentiche per cambiare il paradigma, per avere il coraggio di uscire dalle modalità che consumano tanta tanta energia vitale.

Il Copro non mente. E noi andremo a leggere la storia che lui ci racconta per poter piano piano abitarlo e da quello spazio sicuro esprimere le nostre qualità.

Dallo spazio di insicurezza allo spazio di fiducia. 

Dallo spazio di sfiducia alla possibilità di esplorare.

Dalla paura dell’abbandono alla possibilità di rimanere fedeli a se stessi. 

IO ESISTO è un’esperienza che aiuta ad accedere alla forza vitale e ai bisogni dimenticati.

È una Leadership che deriva da una profonda sensazione di avere una Guida affidabile ineriore che proviene non dall’Ego ma da un Sé integro e solido. 

Abbiamo iniziato le iscrizioni per il SEMINARIO “IO ESISTO” 

19-22 settembre 2024 in provncia di Varese.

Per info: scrivi@olgadebacco.com 

Olga De Bacco